La radio sotto l’albero….

Non so quanti dei nostri ‘quattro lettori’ (notare la modestia…) spingano il loro sguardo sino in fondo alla pagina, spesso fuori dallo schermo di tablet e smartphone, lì dove occhieggia il logo di RadioTre. Beh, adesso è proprio ora di farlo, sfidando la nostra imperizia informatica che non ci ha consentito di piazzar meglio la finestra dedicata ai programmi jazz in onda sulla radio nazionale. Mi raccomando, deve diventare un’abitudine, tra l’altro non è facilissimo reperire queste informazioni con adeguato anticipo.

Cominciamo dal quartetto di Miguel Zenon in onda domani sera 18 dicembre, concerto registrato in quel posto magico che è il Jazz Club Il Torrione di Ferrara. Zenon ha alle spalle una già consistente carriera in proprio e in ensemble molto orientati e ‘consapevoli’ come il San Francisco Jazz Collective (disgraziatamente poco noto da noi), in cui riemergono costantemente ed orgogliosamente le sue radici latine (è nato a Porto Rico). Il quartetto in onda domani sera, con Luis Perdomo al piano, sembra fatto apposta per evidenziarle.

Nel giorno di Natale, in serata avanzata, potrete ascoltare una nuova voce della scena nostrana, di cui molto si è già parlato: il pianista Simone Graziano, in trio con due altri nuovi talenti, Francesco Ponticelli al basso ed alle elettroniche ed il già ben noto (giustamente) Enrico Morello alla batteria.

Il primo dell’anno 2019 si apre con Ghost Horse, interessante formazione italiana capitanata dall’ ‘americano a Roma’ Dan Kinzelman, il cui organico continua ad evolversi: quello catturato dai registratori di RadioTre è particolarmente stimolante per gli ascoltatotri assetati di suoni nuovi, non foss’altro che per l’insolita palette di timbri messa in campo. Anche qui sono in campo diversi ‘giovani leoni’ delle nostre latitudini.

Quanto al concerto dell’ 8 gennaio, mi limito a dire che è semplicemente imperdibile. Sentire a distanza di poche settimane dal concerto l’ ottetto di Franco D’Andrea, appena reduce dalla registrazione dell’ultimo ‘Intervals 2’ e presumibilmente alle prese con lo stesso sulfureo repertorio, è un vero regalo natalizio posticipato. Un ascolto caldamente consigliato soprattutto a quelli che avessero perduto i contatti da tempo con quello che io ritengo il più tenace ed indomito sperimentatore della scena italiana. Tenere presente che purtroppo le apparizioni pubbliche dello schivo D’Andrea si contano sulle punte delle dita delle mani: quelle con il suo organico più ampio e diversificato poi sono degli autentici eventi…

Avete tutto il tempo di ‘sintonizzare’ le vostre radio di qualsiasi tecnologia… ed anche di preparare altri apparecchi che sapete voi 😉 . Milton56

 

 

 

 

2 Comments

  1. Mi raccomando, Isabella, ritorna, ci contiamo. Consultate anche l’archivio degli ‘articoli più vecchi’ (definizione un po’ infelice, ne convengo), non tutto è attualità giornaliera, molto è scritto per durare un pò di più. Purtroppo questo blog lo abbiamo costruito ‘in corsa’, non tutto è come dovrebbe essere in termini di impaginazione e funzionalità, pietà per i dilettanti autodidatti… Milton56

    "Mi piace"

Rispondi a milton56 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...