“…Per vedere di nascosto l’effetto che fa…”

clicchino, signori, clicchino….sul logo ‘Guarda su YouTube’ (… tigne di RAI…)

Al termine di giornata goliardica (con fatica), resta una sola considerazione in chiave semiserIa: questa piccola impresa sconclusionata ha senso solo se ci siete voi. Un po’ come la musica, soprattutto adesso. E’ importante esserci; e sentirci, soprattutto.

E così ci siamo presi la libertà di profittare di quest’occasione mondana così ambita dalle varie specie ittiche, che sgomitano per accaparsela. A proposito, questa è quella che si è aggiudicata la palma di ‘Pesce d’Aprile 2021’:

Non si può dire che non sia fotogenica: le hanno anche proposto un reality in prima serata….

E siamo all’ ascolto finale, per il quale mi sono molto arrovellato sul tema della ‘fine’. Avevo pensato di proporvi ‘The End’ dei Doors (grande rock di quello che piace anche a me): però mi è stato fatto notare che il noleggio dell’elicottero in stile ‘Apocalypse Now’, scena d’apertura, sarebbe risultato un tantino caro. Conseguentemente, ripiego su Hank Mobley, ‘Fin de l’Affaire’: uno dei miei favoriti di tutti i tempi, ottimo accompagnamento per separazioni con implicita opzione di ripensamento. MIlton56

1957. Mobley con Art Farmer, Horace SIlver, Doug Watkins ed Art Blakey. Ci si può contentare, no?

4 Comments

    1. Spesso sul palco le cose più interessanti succedono sul fondo… Suggerirei di far caso all’atteggiamento degli orchestrali durante l’esibizione di Jannacci: gente che guarda per aria, alcuni increduli, altri che si voltano verso i colleghi con aria interrogativa, il direttore che ciondola da una sedia all’altra. Nota bene: parliamo dell’acchittatissima RAi del 1968, del suo show più curato ed addirittura ammirato anche all’estero. E di un’orchestra – la compianta ‘Ritmi Moderni’ – che non era affatto ‘qualsiasi’….. Meditate, gente, meditate (anche senza birra…). Anche sulle date 😉 Milton56

      Piace a 1 persona

    2. Ma nemmeno davanti alla veneranda Queen Elizabet… se può state etichettati … comunque se vuoi sapere la mia in quel video Rai d’altri tempi … i violìni si annoiavano … dietro mi parevan tutti attenti col piedino nascosto a battere i tempo del Jannacci … davanti eran nullafacenti… e non sapevan proprio come mettersi. Mi sa che siamo più seri oggi… mooolto di più perché bisogna saper ben “apparire” più che “essere”. 😊

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.