LENNIE TRISTANO PERSONAL RECORDINGS 1946 – 1970

Dot Time Records e Mosaic Records, che collaborano per la prima volta, annunciano l’uscita di Lennie Tristano Personal Recordings 1946 – 1970. Questo box di 6 CD, in uscita il 15 novembre, racconta più di vent’anni di impressionante produzione creativa di Lennie Tristano e offre agli ascoltatori il ritratto più completo del genio musicale del pianista.

Progettato e masterizzato dal sassofonista tenore nonchè amico di lunga data di Tristano, Lenny Popkin, il cofanetto presenta una selezione dell’innovativo patrimonio di registrazioni personali sia in veste da solista che in diversi ensemble importanti nel corso della sua carriera, tra cui sessioni di trio con il chitarrista Billy Bauer e il bassista Arnold Fishkin; registrazioni dal vivo in sestetto con il sassofonista alto Lee Konitz, il sassofonista tenore Warne Marsh, il chitarrista Billy Bauer, i contrabbassisti Arnold Fishkin e Joe Shulman e il batterista Jeff Morton; incluse sessioni del trio di metà anni ’50 con il contrabbassista Peter Ind e i batteristi Al Levitt e Tom Wayburn; duetti e trii con il bassista Sonny Dallas e il batterista Nick Stabulas;

“Dalle prime registrazioni che si ascoltano sul CD 1, registrato dal vivo nel 1946, c’è un’energia potente ed esuberante. Ed è inarrestabile. È la forza della creatività e del sentimento che Lennie ha sentito ed espresso così profondamente”, afferma Popkin. “È la stessa energia, la stessa energia potente, che esprimeva Louis Armstrong, solo che ora Tristano la esprime a modo suo. È così che si è evoluto il jazz. Le note sono cambiate. Le armonie sono cambiate. Il modo di esprimere il ritmo è cambiato, ma la qualità è rimasta come una costante energia unificante.”

L’uscita di questo cofanetto di 6 CD segna una collaborazione epocale tra Mosaic Records e Dot Time Records: è la prima volta nei suoi quasi 40 anni di storia che Mosaic collabora con un’altra etichetta per creare una delle sue magnifiche scatole di meraviglie . Questa miniera d’oro di oltre settanta registrazioni private del grande pianista è nata grazie al fermo impegno del produttore esecutivo Michael Cuscuna e dei co-produttori Jerry Roche, Carol Tristano e Lenny Popkin, che hanno unito i loro sforzi per onorare l’eredità di Tristano .  

Il disco 1 vede Tristano insieme a Billy Bauer e Arnold Fishkin. Queste registrazioni del trio dal vivo del 1946/1947 sono state effettuate a Long Island, New York, e catturano la pura sinergia, la nitidezza dell’improvvisazione e l’iterazione sottile di questo ensemble affiatato. Il tocco incredibile di Tristano si nota subito. “Come esprime nel suo stile, sia come solista che con altri, ogni nota ha una personalità. Ogni nota è intrisa di sentimento. Nelle registrazioni presenti in questo set, puoi sentire che, indipendentemente dal tempo, sia se stai suonando note da un quarto, da un ottavo o da un sedicesimo, indipendentemente dalla velocità, ogni nota è diversa. Ogni nota ha carattere “, riflette Popkin. 

Il disco 2 contiene brani in solitudine, registrati sia nello studio di Rudy Van Gelder che in quello personale di Lennie sulla East 32nd Street. Le 15 tracce di questo album esplicano il mondo interiore dell’armonia di Tristano. Non si può fare a meno di rimanere stupiti dalla disinvoltura tecnica di Tristano, ma ciò che è veramente sorprendente è il pathos e l’anima che si percepiscono su ogni traccia.

Il disco 3 contiene registrazioni dal vivo del sestetto con Lee Konitz, Warne Marsh, Billy Bauer, i bassisti Arnold Fishkin e Joe Shulman e il batterista Jeff Morton. È la prima esibizione registrata di un gruppo di musicisti jazz che eseguono free jazz davanti a un pubblico in un club. La figlia di Lennie Tristano e co-produttrice di questo album, Carol Tristano, indica che “incarna quel legame tra il suonare libero e il jazz swing”. Il free antesignano di questi quattro musicisti , fino ad oggi, non ha quasi paralleli. Non è casuale, è radicato profondamente nel sentimento del jazz ed è creato in modo completamente spontaneo nel momento stesso. Il risultato non è un esperimento. Ogni pezzo racconta una storia ed è grande musica di prim’ordine. 

Il disco 4 vede Tristano suonare con due fantastici trii, entrambi con Peter Ind al basso, uno con il batterista Tom Wayburn e l’altro con il batterista Al Levitt. “I brani con Peter Ind, Tom Weyburn e Al Levitt sono tra i miei preferiti. Lennie con una sezione ritmica entusiasma con la sua abilità lirica, facendo quella cosa che i grandi musicisti possono fare, coinvolgendo il tuo udito in uno stato di puro piacere! Non importa quante volte ascolti un grande assolo, ti influenzerà altrettanto, se non di più, ogni volta “, ha condiviso Carol.

Il disco 5 contiene duetti e trii con il bassista Sonny Dallas e il batterista Nick Stabulas. Le tracce del duetto catturano l’ascolto attento di due amici e musicisti desiderosi di creare musica meravigliosa insieme, e le tracce del trio dimostrano la rara interazione di tre musicisti che sono collegati tra loro nell’esplorazione armonica e nello scavo della melodia.

Il disco 6 inizia con una rivoluzionaria sessione di free jazz del 1948 con Lee Konitz, Warne Marsh e Billy Bauer. La registrazione precede i dischi storici di Tristano su Capitol, Intuition e Digression, così come le iconiche registrazioni free jazz di fine anni ’50 e inizio anni ’60 di altri artisti, che sono così spesso elogiati come precursori del free a discapito delle innovazioni di Tristano. 

Lennie Tristano Personal Recordings 1946 – 1970 serve a onorare uno degli architetti del jazz. In sintesi, si può condividere l’intuizione del co-produttore Jerry Roche su questo box che cattura l’eccellenza di Tristano in registrazioni mai pubblicate prima: “Penso che questo cofanetto di Mosaic / Dot Time Records aiuterà Tristano a ottenere finalmente il giusto riscontro dalla critica”.

1 Comment

  1. Prima di tutto: è una gran buona notizia che Mosaic batta un colpo dopo un periodo in cui si era paventata la sua silenziosa dissoluzione. Un’etichetta che ha grandi meriti nella preservazione del jazz come bene culturale non poteva e non doveva finire così ingloriosamente. Ed ora passiamo dalla poesia alla prosa. Questo bellissimo oggetto discografico temo sia destinato a rimanere un’araba fenice per gli ascoltatori europei se non si farà avanti qualche distributore del Vecchio Continente ad importarlo. Spese, tempi e rischi di spedizione dell’era CoV19, balzelli e formalità doganali rendono di fatto proibitivo l’acquisto diretto da parte di un acquirente privato europeo di un oggetto pesante e costoso sin dall’origine (per me il prezzo negli States si aggirerà intorno agli UsDoll.150,00 come minimo) . Va da sè che un’opera del genere è seriamente fruibile solo in formato fisico, con tutto il suo apparato di documentazione, in questo caso lo streaming od il formato digitale non possono essere nemmeno un pallido surrogato. Speriamo che il grande Cuscuna abbia ancora un’agenda fitta di nomi del mondo discografico europeo e riesca a trovare la quadratura del cerchio. Milton56

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.