Fulmini a Kansas City

Se si guarda alla vita di Bird, si vede quanto la sua musica fosse collegata alla vita che faceva…Si rimaneva a bocca aperta sentendolo discorrere con qualcuno di libri, di filosofia, di religione o di scienza, di cose serie, insomma. Preparatissimo.

Un attimo dopo, era in qualche angolo buio che beveva da una bottiglia dentro un sacchetto di carta, in compagnia di qualche avvinazzato. Ecco, è proprio questo che veniva fuori quando suonava: toccava il livello musicale più intellettuale e astratto, poi faceva dietrofront, et voilà, e suonava il blues più sbracato e funky che si potesse immaginare.

Un impresa per chiunque altro, passare da quella raffinatezza a quel genere di blues, ma per Charlie Parker era una cosa da niente, come aprire una porta.

Earl Coleman, intervista registrata, 1985, dal libro di Stanley Crouch Fulmini a Kansas City, L’ascesa di Charlie Parker

bird1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...