Bernstein al Ducale in jazz

Nell’ambito del programma di eventi dedicati al Giorno della Memoria 2019, il Centro Culturale Primo Levi ha organizzato a Palazzo Ducale di Genova martedì 15 gennaio, un concerto del quartetto del sassofonista e clarinettista romano Gabriele Coen, con Alessadro Gwis al pianoforte, Benny Penazzi al violoncello e Danilo Gallo al basso elettrico, dedicato alla musica di Leonard Bernstein. Le forti connessioni di Bernstein alla musica afroamericana , una delle componenti dell’universo artistico del compositore, sottolineate nell’introduzione dal critico Stefano Zenni, sono emerse evidenti negli arrangiamenti dei brani dell’ensemble curati da Andrea Avena, che presto confluiranno in un cd in fase di realizzazione presso Parco della Musica di Roma. Grande parte del concerto è stata dedicata a celebri pagine dell’opera/ musical “West side story”, a partire dall’ overture, per passare a “Something’s coming”, “Maria”, “Tonight”, “I feel pretty” e “Somewhere”, ripercorse dal quartetto con impronta personale rispettosa dello sviluppo melodico e dell’ampio respiro orchestrale delle composizioni, ma aperta a spazi improvvisati ed a soluzioni inedite (come le parti nelle quali gli strumenti si trasformano in piccola orchestra di percussioni), e sempre nel segno di un’intesa che deriva dalla condivisione profonda del progetto. A seguire, tre brani di ispirazione religiosa composti da Bernstein , l’overture dei “Chistercer psalms”, un brano dall’opera Candide (Ilana the dreamer) ed “Ygdal”. “Some other time” resa famosa, fra gli altri, da Bill Evans , ha concluso la serata nel modo migliore.

coen 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...