Le dediche di Braxton

Il 21 giugno 2019, la Firehouse 12 Records ha pubblicato “Quartet (New Haven) 2014” di Anthony Braxton, un cofanetto deluxe di 4 CD, ognuno della durata di un’ora circa, che documenta l’incontro di un quartetto all-star che vede accanto al sassofonista la presenza alla chitarra di Nels Cline, alla batteria di Greg Saunier e alla tromba di Taylor Ho Bynum. Le quattro ore di registrazioni toccano una vasta gamma di trame e stati d’animo, con Braxton che si muove tra sei diversi strumenti della famiglia dei sassofoni, dal piccolo sopranino al gigantesco contrabbasso.

brax4
Bynum descrive l’impeto della sessione nelle note di copertina: “Molto è stato scritto sulla sintesi trasformativa di Anthony Braxton delle tradizioni della musica creativa transeuropea e trans-africano-americana: la sua accorata fedeltà a influenze diverse come Hildegard von Bingen e Jelly Roll Morton, Alban Berg e Dave Brubeck, Karlheinz Stockhausen e Sun Ra. Tuttavia, chiunque abbia avuto il piacere di coinvolgere Braxton in una conversazione sa che i suoi onnivori entusiasmi musicali si estendono ben oltre i canoni classici o il jazz e includono una buona dose di musica popolare americana , da Johnny Mathis e Frank Sinatra ai Flamingos e Bill Haley a Bob Dylan e Captain Beefheart, oltre che naturalmente  ai quattro destinatari di questa registrazione, e cioè Jimi Hendrix, Janis Joplin, James Brown e Merle Haggard .

Molto interessante e rivelatrice di influenze e gusti quantomeno poco espliciti nella musica di Braxton, una sua intervista a Rolling Stones, in cui il sassofonista parla a ruota libera di musicisti che hanno avuto un imprinting sulla sua personalità musicale.

“My friends call me Anthony ‘Beefheart Boy’ Braxton!” racconta Braxton. parlando di Captain Beefheart: “Lui era totalmente creativo, le sue composizioni intrise di una bellezza corrosiva e originale ed i suoi ensemble erano davvero speciali. Molti si riferiscono a lui solo come un musicista rock, ma io l’ho messo tra i miei eroi accanto a Beethoven, Duke Ellington, Paul Desmond e  Frankie Lymon ”

Le dediche che Braxton include nell’album esemplificano lo spirito di scambio tra generi. Non è mai stato timido nel nominare diverse influenze, dall’icona del jazz John Coltrane al pioniere della dodecafonia Arnold Schoenberg e al già citato hitmaker Lymon, ma le quattro figure che il sassofonista omaggia potrebbero sconcertare anche i fan di Braxton di vecchia data : Jimi Hendrix, Janis Joplin, James Brown e Merle Haggard, rispettivamente. I pezzi non sono in alcun modo cover o espliciti tributi; per Braxton, i suoi omaggi sono più come un riconoscimento di un fan di vecchia data. “Le dediche per le mie composizioni sono un maldestro tentativo di dire ‘Hooray per questi meravigliosi artisti, uomini e donne'”, dice.

brax3

L’idea che ha portato al box  di registrazioni risale all’agosto 2013, quando tutti e quattro i musicisti erano presenti al festival jazz svizzero di Willisau, esibendosi con vari progetti. Braxton conosceva già Cline da anni attraverso i circoli musicali d’avanguardia, e lui e Bynum hanno deciso di assistere alla performance del duo del chitarrista al festival con Saunier, uno spettacolo improvvisato che, secondo Braxton, “è stato fantastico, ho quasi avuto un infarto “.

Inizialmente, il piano era di lavorare con alcuni dei materiali composti da Braxton, ma quando i musicisti si sono riuniti nello studio di New Haven’s Firehouse 12, Braxton ha deciso che un approccio spontaneo aveva più senso.

Cline è un fan di Braxton da decenni e ricorda di averlo incontrato per la prima volta a metà degli anni Settanta a capo di un quartetto nella California del sud. Nonostante la sua venerazione per il sassofonista, che lo metteva in uno stato di soggezione, si è sentito immediatamente a suo agio quando è arrivato nel Connecticut per le registrazioni.

“Era una domenica sera e ci siamo trasferiti al ristorante preferito di Braxton, il Red Lobster, e in realtà abbiamo fatto una deliziosa cena lì, e poi registrato per due giorni”, dice il chitarrista . “Braxton ha portato l’artiglieria pesante , il sassofono contrabbasso, e aveva questi spartiti grafici che sembravano creati in modo piuttosto meticoloso, ma poi ci ha detto di ignorarli fondamentalmente, e cosi’ abbiamo improvvisato. “Braxton mette tutti a proprio agio, perché è molto divertente ed è molto simpatico”, continua Cline. “Così, una volta che abbiamo iniziato a suonare mi sono sentito molto connesso.”

Quest’ultima descrizione di Braxton potrebbe anche applicarsi all’esperienza di conversazione. Braxton ha trascorso più di 20 anni a insegnare musica all’Università Wesleyan del Connecticut, e parla ancora con una sorta di formalità declamatoria – puoi quasi immaginarlo, puntando il dito verso il cielo per enfatizzare ogni frase – infarcendo le sue risposte con frasi come “spazio nel tempo” “Logiche ritmiche” e “forze cosmiche”. Ma abbina quel contegno abbottonato con una cordialità disarmante ed un entusiasmo vertiginoso. Ancora oggi, a cinque anni di distanza dalle sessioni che hanno prodotto l’album, Braxton è entusiasta di ciò che i quattro musicisti hanno realizzato durante il loro primo incontro.

“Voglio a dimostrare che molte delle definizioni idiomatiche che ci hanno portato in questo spazio temporale sono diventate sempre più irrilevanti perché un musicista come Greg, che è visto esclusivamente come percussionisti rock, potrebbe tranquillamente suonare con la New York Philharmonic, e questo vale anche per Nels “, dice, e la sua voce si gonfia per l’eccitazione. “E così nell’avere l’opportunità di collaborare con questi ragazzi, mi sono trovato in un ambiente di creatività trans-idiomatica, ed è stata una delle cose migliori che mi potevano accadere in questo periodo di tempo.”

Questa tenace apertura mentale non sempre lo ha reso popolare. Nel 1985, nel libro Forces in Motion, un ritratto essenziale della sua vita ad opera del giornalista Graham Lock, Braxton spiega come anche tra i suoi colleghi dell’AACM di Chicago si è sentito un estraneo.

“Fu in questo periodo che le polemiche iniziarono ad inseguirmi, anche nella stessa AACM; perché non ero interessato solo all’Africa, mi interessava si l’Africa, ma anche l’Europa e l’Asia “.

brax1

Quella polemica si estese anche alla critica musicale, che spesso si concentrava più sui  titoli delle composizioni che spesso prendono la forma di arcane sequenze di lettere e numeri con intricati diagrammi illustrati che non sulla sua musica. È stato lo scrittore Graham Lock che ha capito per primo che se un dato lavoro di Braxton non esemplificava i valori convenzionali del jazz,  probabilmente è perché non era lontanamente l’intento del compositore.

Nella dedica a Jimi Hendrix, quindi, Braxton riconosce uno spirito affine: un musicista che non lascia mai che i condizionamenti di genere lo coinvolgano.

“Sono stato un fan di Hendrix sin dall’inizio”, dice Braxton. “E più tardi ho saputo che Jimi Hendrix era molto interessato a lavorare con Miles Davis. Sto dicendo che alcune delle barriere che siamo venuti ad accettare come idiomaticamente corrette sono di fatto false barriere perché i veri musicisti, il ​​cui lavoro mi ha colpito fin dall’inizio, amano la musica e lavorano in aree diverse “.

Sottolinea che tra la metà e la fine degli anni Sessanta, mentre lui e i suoi coetanei stavano piantando la bandiera di una nuova avanguardia musicale americana, era anche pienamente in sintonia con la rivoluzione contemporanea nel rock e nel pop.

 

“Janis Joplin è una dei grandi figure del periodo degli anni Sessanta, come Jimi Hendrix e Bob Dylan – Sono cresciuto in quel periodo e adoro queste persone”, dice. “Tra le cose che ho imparato da Janis Joplin sicuramente  c’è la dedizione totale alla musica.”

 

Le esperienze musicali formative di Braxton arrivarono in realtà circa dieci anni prima. Molto prima che iniziasse a forgiare il proprio mondo sonoro, era, come dice lui, “molto coinvolto” con la scena del doo-wop nella sua nativa Chicago.

“Lavoravo con una band teatrale al Regal Theatre di Chicago, quindi ho avuto l’opportunità di suonare con Del-Vikings and the Coasters”, dice Braxton. “Frankie Lymon e Bill Haley and the Comet, erano i miei primi eroi, e quindi ho sempre cercato di mantenere una connessione con quella musica.

brax2

“La gente tende a pensare, ‘Oh, Anthony Braxton, è una specie di robot, non è nemmeno umano. Tutto ciò che fa è guardare le equazioni “, continua. Ma in realtà, sono un ragazzo cresciuto nel South Side di Chicago. Ho avuto il mio gruppo doo-wop nei primi anni Cinquanta, e ho sempre mantenuto una connessione, quando possibile, alle musiche composte, specialmente alla musica popolare. ”

 

Braxton non fa distinzione tra le innovazioni del suo eroe jazz o classico ed una figura come James Brown.

“Penso che il grande batterista jazz Max Roach sia il generatore di nuove idee e logiche ritmiche negli anni ’40,  mentre se ci spostiamo negli anni Cinquanta, sono James Brown e il suo gruppo a portare nuova linfa su logiche ritmiche e integrazione d’insieme “, dice. “E in più, Brown era un maestro che aveva vera energia e dedizione. … Queste sono le qualità a cui sono sempre stato attratto: logiche estetiche composite e duro lavoro. Quest’uomo è rimasto sulla scena per 40 anni e più, lavorando sempre, sempre alla ricerca. ”

Per quanto Braxton sia contento del proprio percorso musicale, ricorda uno spettacolo visto in compagnia di sua madre che gli fece desiderare momentaneamente che il suo lavoro avesse un fascino un po più intergenerazionale. “Mia madre ed io siamo andati a vedere James Brown e Marvin Gaye, e mia madre non è mai stata così felice”, dice. “Sono diventato verde per l’invidia perché era così contenta di sentire il grande James Brown e, più tardi, il grande Marvin Gaye. C’è stato un momento in cui mi sono ritrovato a pensare: “Wow, vorrei suonare musica con questi ragazzi ”

 

Fantastica e del tutto in chiave braxtoniana poi la conclusione dell’intervista: ” Sempre di più, invecchiando mi trovo a misurare la distanza tra generazioni e parte di quella sfida per me riguarda l’ascolto di nuovi cd: chiedo sempre ai musicisti con i quali lavoro, e sopratutto a quelli molto giovani, chi dovrei ascoltare, in modo da poter mantenere una connessione a quello che i musicisti più giovani stanno facendo “, dice. “Perché alla fine, sono solo uno studente di musica creativa e voglio continuare ad imparare.”

 

Fonte: https://www.rollingstone.com/music/music-features/anthony-braxton-interview-nels-cline-quartet-new-haven-844843/

Il primo ed il quarto cd sono ascoltabili integralmente cliccando qui:

https://firehouse12records.com/album/quartet-new-haven-2014

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...