Jack l’hipster

Nell’intricato mondo del jazz sono numerose le figure border line, musicisti di innegabile talento che per un motivo o per un altro non hanno avuto il giusto riconoscimento e sono finiti nel dimenticatoio. Per non parlare sempre di eroi nostrani oggi vorrei portarvi alla scoperta di un grande del jazz belga che, molto probabilmente, da noi è conosciuto da una ristrettissima schiera di appassionati.

Jack l’hipster. Il musicista per musicisti. Il negro bianco del porto. Jack Sels ha ricevuto molti soprannomi nel corso degli anni. Il sassofonista di Anversa, morto all’età di 48 anni nel 1970, rimane il musicista jazz più mitico del Belgio, sia per chi lo ha conosciuto durante la sua vita sia per chi lo conosce solo dalle storie – e ci sono diverse storie da raccontare su Jack Sels. Durante la sua carriera, ha suonato con leggende del jazz come Dizzy Gillespie, Lester Young, Lou Bennett e Lucky Thompson, ma è rimasto praticamente sconosciuto fuori dal Belgio a causa della sua riluttanza a lasciare Anversa.

Quasi cinquant’anni dopo la sua morte, Jack Sels rimane il musicista jazz più intrigante del Belgio. In parte a causa della sua discografia limitata, è pressochè sconosciuto fuori dai confini nazionali. Tuttavia, il suo contributo allo sviluppo della scena jazz moderna in Belgio non può essere dimenticato, e nemmeno la sua influenza sui suoi compagni musicisti, per i quali era l’incarnazione stessa del jazz. Come disse una volta il vibrafonista Fats Sadi: “Ho adorato Jack. Non aveva mai studiato musica e non aveva la minima tecnica. Ma se Jack suonava, le porte del paradiso si aprivano. Jack era più jazz del jazz stesso. ”

cover

Jack era l’unico figlio di una famiglia benestante. Suo padre Joseph ricopriva una posizione di rilievo nella compagnia marittima John P. Best. La famiglia abitava in una grande casa, dove Jack era cresciuto rigorosamente e tradizionalmente, obbligato a parlare inglese a suo padre, olandese a sua madre Marie Louise e francese alla sua governante. Jack era predestinato a seguire le orme di suo padre e diventare lui stesso un uomo d’affari, fino alla morte prematura di entrambi i suoi genitori che cambiò tutto.

Da giovane adolescente ha ereditato la fortuna di famiglia che ha polverizzato in pochissimo tempo in tutto ciò che è bello nella vita: ragazze, champagne e dischi jazz. Ormai appassionato fan del jazz, Jack ha accumulato una formidabile raccolta di dischi jazz originali a 78 giri che si sono accumulati a migliaia.   La bella vita di Jack, tuttavia, si è conclusa di botto quando un bombardamento durante la seconda guerra mondiale ha distrutto la casa di famiglia,

Con non molto altro da perdere, Jack decise di intraprendere la carriera di musicista jazz.  Dopo la morte prematura di sua moglie Eugenia nel 1946, Jack lasciò temporaneamente la musica e trascorse un po ‘di tempo in mare.  Rientrato a casa, si immerse nella fiorente scena del bebop belga, stringendo amicizia e suonando con musicisti come Bobby Jaspar, René Thomas, Jacques Pelzer, Sadi e Francy Boland.  Nel 1949, registrarono una composizione senza titolo di Jack Sels che, su suggerimento di Bobby Jaspar, sarebbe stata successivamente chiamata Jack the Hipster.

A quel tempo, il modo di suonare il sassofono di Jack era principalmente influenzato da Wardell Grey, e indossava un cappello proprio come il suo idolo Lester Young. “Jack era un musicista jazz al 100%”, ricorda il bassista e sassofonista Cel Overberghe.

‘Minor Works’ è una raccolta di rari studi inediti e registrazioni dal vivo che rendono omaggio alla vita e al jazz dell’enigmatico musicista oggi ascoltabile per intero su Spotify..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...