Man on the moon: l’unico 45 giri di Ornette

Ornette Coleman, alto saxophone
Dewey Redman, tenor saxophone
Don Cherry, trumpet
Charlie Haden, bass
Ed Blackwell, drums
Emmanuel Ghent, electronic devices (A)

A. Man On The Moon (Dr. Emanuel Ghent & O. Coleman) 3:06
B. Growing Up  (O. Coleman) 2:17

Recorded in NYC, July, 1969.

Stateside – 2C 006-90.643 M (France)

La Impulse! Record è l’etichetta che ha pubblicato una delle grandi rarità della discografia di Ornette Coleman, un singolo a 45 giri uscito solo in Europa che comprende le tracce “Man on the Moon” e “Growing Up.” Registrato in data 7 luglio 1969 e probabilmente dedicato alla missione Apollo 11, il cui lancio era previsto pochi giorni dopo, il 16 luglio, è un manufatto nato e proveniente dal 131 di Prince Street, l’edificio dove Coleman aveva acquistato due piani, catturando la collaborazione tra Ornette e l’altro compositore residente nell’edificio, Emmanuel Ghent, che viveva con la moglie Natasha e le tre figlie al quinto piano.

Dal sito Valghent.com:

Il singolo avant-jazz Man on the Moon di Ornette Coleman , pubblicato nel 1969 in risposta al primo sbarco sulla luna, presenta mio padre, Emmanuel Ghent , su “dispositivi elettronici” che suona con Ornette e una band stellare: Ornette Coleman – contralto sax; Don Cherry – tromba; Dewey Redman – sax tenore; Charlie Haden – basso; Ed Blackwell – batteria; Emmanuel Ghent – dispositivi elettronici.

My father shares a writing credit w/ Ornette on the tune:

È curioso che il lato B di “Man on the Moon” si chiami “Growing Up”. Per me personalmente, l’ascolto di “Man on The Moon” evoca ricordi della mia infanzia. Quando ero un bambino che cresceva a SoHo, Ornette viveva nel nostro edificio. In quegli anni, gli artisti (compresi i miei genitori) vivevano, lavoravano e ristrutturavano interi piani di fabbriche vuote a SoHo, il tutto prima che la suddivisione in zone ne consentisse l’uso residenziale. Nel 1970, il nostro edificio divenne noto per alcuni anni come ” Artist House “. Ornette intendeva che Artist House fungesse da spazio per spettacoli dal vivo per “artisti di tutti i tipi”. Secondo jazz.com , i residenti di Artist House includevano Anthony Braxton, Leroy Jenkins e Truvenza Coleman , la sorella di Ornette.

Ornette viveva al terzo piano e usava il pianterreno per provare ed esibirsi. Di tanto in tanto veniva di sopra nello studio di musica elettronica di mio padre e suonavano. A quanto pare mio padre ha registrato alcune di queste sessioni, perché ci sono alcuni nastri da bobina a bobina nel suo archivio con il nome di Ornette sul dorso. Chissà cosa c’è li dentro ! Riesci a immaginare? Spero che siano ancora trasferibili.

Emmanuel Ghent

Fonte: https://valghent.com/emmanuel-ghent-ornette-coleman-man-on-the-moon/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.