RIP – Ralph Peterson Jr., jazzista.

Ralph Peterson, una forza della natura…

Abbiamo appreso poco fa, direttamente dalla sua pagina fb, la triste notizia. Infatti a soli 58 anni, minato da qualche tempo da un tumore che non ha lasciato scampo, ci lascia questo vero asso della batteria, negli ultimi lustri membro stabile del gruppo di Wayne Escoffery, ma il suo nome lo troverete in un buon numero di dischi griffati in buona parte Criss Cross, ma anche Posi-Tone, Blue Note, nonesuch, JMT, SteepleChase, oltre che ovviamente per la sua etichetta personale, la Onyx Records , ed a fianco di Orrin Evans, Jeremy Pelt, David Murray, Branford e Delfeayo Marsalis, Uri Caine, Roy Hargrove, Michael Brecker, Terence Blanchard…

In questa triste giornata vogliamo commemorare Ralph Peterson in azione con una sventagliata d’incisioni che riteniamo rappresentative del suo stile teso ad un continuo aggiornamento degli stilemi hardboppistici che ha naturalmente amato ed onorato per tutta la carriera.

in una delle prime prove discografiche, già notato da Tom Harrell

Ricercato session man ed intelligente leader oltre che proficuo educatore (se qualcuno dei nostri lettori suona la batteria, si cerchi le sue clinics) ci lascia una buona scorta di album per ritrovarne il preciso drive e l’esuberanza negli assoli; il suo ultimo passaggio concertistico in Italia risale a fine 2019 quando portava in giro il suo “The Messengers Legacy“…

…un magnifico omaggio alla musica di Art Blakey del quale aveva preso le bacchette, agendo come secondo batterista in alcune edizioni finali della carriera di Buhahina.

Il mio ultimo ricordo dal vivo risale al 2015 quando a Bollate fece letteralmente faville, insieme a Dave Kikoski, con il quartetto di Wayne Escoffery, ma ecco alcuni spunti da approfondire in discografie non sempre contigue.

Una recente incisione del gruppo di Escoffery, altamente consigliata.

Con James Genus nel trio di Uri Caine per Winter&Winter.
La spinta propulsiva della Big Band di Orrin Evans (ma anche di molti suoi trii e quartetti)
Frequentazioni eccellenti per un batterista fuori dal comune anche nelle vesti di leader.
Con una formazione stellare capitanata da Michael Brecker.
Spettacolare assolo “old style” nella band di Charles Lloyd
L’ultimo lascito della Messenger Legacy

Una rilettura squisitamente “latin” dal repertorio di JoHen.
Buonanotte, drummer, e grazie di tutto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.