EVERYBODY STILL DIGS – BILL EVANS – A CAREER RETROSPECTIVE (1956–1980)

Una custodia deluxe di cinque CD esplora il lavoro del leggendario pianista jazz come frontman e co-leader con oltre 60 brani selezionati, tra cui un concerto dal vivo completo e inedito del 1975. 

Craft Recordings onora l’artista jazz e il suo duraturo contributo musicale con due nuovi titoli. Il primo è una lussuosa confezione di cinque CD dal titolo: “Everybody Still Digs Bill Evans: A Career Retrospective (1956-1980)”, e si tratta della prima raccolta  del pianista in tutta la sua carriera, con oltre 60 brani che evidenziano l’eccezionale lavoro di Evans come leader e co-leader. 

L’ampio lavoro include anche una performance live inedita del 1975, registrata all’Oil Can Harry’s di Vancouver, BC. Questa registrazione del concerto recentemente scoperta sarà anche pubblicata come album indipendente dal titolo: “On a Friday Evening”, che sarà disponibile  in diversi formati, dal doppio vinile al CD e naturalmente nei  formati digitali, compresi quelli ad alta risoluzione. 

Everybody Still Digs Bill Evans: A Career Retrospective (1956-1980) comprende brani tratti dai cataloghi Riverside, Milestone, Fantasy, Verve, Warner Bros. ed Elektra / Musician, e presenta un parterre di collaboratori del calibro di Tony Bennett, Cannonball Adderley, Kenny Burrell, Stan Getz, Zoot Sims, Eddie Gomez, Shelly Manne e Lee Konitz, e molti altri. 

Prodotta da Nick Phillips, la raccolta di cinque CD è presentata con un libreto con copertina rigida rivestita di stoffa, contenente 48 pagine di foto oltre a nuove note per la penna dello scrittore vincitore del GRAMMY, conduttore radiofonico e giornalista musicale, Neil Tesser , offrendo informazioni sulla vita e la carriera di Evans attraverso interviste recenti e d’archivio su una varietà di argomenti, nonché uno studio approfondito dei brani contenuti nel box. Disponibile anche su piattaforme digitali e streaming, “Everybody Still Digs Bill Evans” presenta un audio  rimasterizzato dall’ingegnere, anch’egli   vincitore del GRAMMY, Paul Blakemore. 

La maggior parte delle selezioni musicali del box sono state tratte dai trii di Evans, con i quali il pianista ha pubblicato più di 40 album. I dischi uno e due presentano i momenti salienti di quelle registrazioni, con il primo disco che evidenzia le sessioni Riverside e attraversa gli inizi di Evans con Philly Joe Jones, Teddy Kotick, Paul Chambers e Sam Jones. Seguono le registrazioni con Paul Motian e il bassista Scott LaFaro, morto tragicamente nel 1961, fino ai trii post-LaFaro con Motian, Chuck Israels e Larry Bunker. Il secondo album si concentra sulle registrazioni dei trii di Evans della metà degli anni ’60, collaborando con musicisti come Eddie Gomez, Marty Morell, Eliot Zigmund, Gary Peacock, Jack DeJohnette, Joe LaBarbera e Marc Johnson.

Anche le numerose registrazioni da solista di Evans sono state un aspetto importante della sua carriera, guadagnandosi due dei suoi sette GRAMMY® Awards (per “Conversations with Myself” del 1963 e “Alone” del 1968). Il terzo disco della raccolta si concentra proprio sulle esecuzioni non accompagnate del pianista (alcuni sono veramente in solitudine, mentre altri vedono Evans che si accompagna tramite sovraincisioni), inclusi alcuni dei suoi lavori seminali come “Peace Piece” e “NYC’s No Lark”, come così come il brano dedicato a suo figlio, “Lettera a Evan”, e quel “Nardis”, scritto da Miles Davis, che, in una lunga e astratta esposizione per pianoforte solo, Evans ha fatto totalmente suo. 

Il quarto album propone alcune tra le numerose collaborazioni di Evans al di fuori del trio. I punti salienti includono le sue famose collaborazioni in duetto con il cantante Tony Bennett e il chitarrista  Jim Hall, e un raro abbinamento con la collega pianista e intervistatrice Marian McPartland, tratto dal suo programma radiofonico di lunga data su NPR. Anche il lavoro di Evans in quartetti e quintetti è importante in questo disco, con musicisti stimati come Cannonball Adderley, Stan Getz, Freddie Hubbard, Toots Thielemans, Zoot Sims e Lee Konitz. 

Nell’ultimo album “Everybody Still Digs Bill Evans”, i fans potranno godersi una nuova esibizione dal vivo del Bill Evans Trio, con Eddie Gomez al contrabbasso ed Eliot Zigmund alla batteria. 

Disponibile nella sua interezza, il concerto inedito ebbe luogo il 20 giugno 1975 all’Oil Can Harry’s, un piccolo club che chiuse nel 1977 a Vancouver. Lo spettacolo è stato registrato per il conduttore radiofonico canadese Gary Barclay, che ha ospitato la serata, e successivamente ha mandato in onda il set nel suo popolare spettacolo jazz CHQM. Poi, per quasi mezzo secolo, i nastri sono stati dimenticati, fino ad oggi. Grazie al restauro audio di Plangent Processes e al meticoloso mastering di Blakemore, la registrazione  suona fresca oggi come più di 45 anni fa.

Il concerto uscirà anche come album autonomo, On a Friday Evening, e sarà disponibile su due LP in vinile da 180 grammi, su CD e su piattaforme digitali e streaming. Il disco di nove tracce include un adattamento delle note originali di Tesser, che incorpora nuove interviste con i membri del trio Eddie Gomez ed Eliot Zigmund, insieme a meticolosi dettagli traccia per traccia sul programma della serata, che include sia originali che standards.

Agli ascoltatori  è data la rara opportunità di ascoltare Evans in una nuova riconfigurazione del trio, a cui Zigmund si era unito solo pochi mesi prima. Tesser spiega che questa registrazione dal vivo “merita attenzione, e gran parte di essa deriva dall’ascolto di Zigmund, in un ambiente intimo lontano dalla sala da concerto, trovando il suo posto nella storia del trio  che per 15 anni aveva fatto saltare in aria il modello consolidato di pianoforte più sccompagnatori e lo aveva sostituito con un vero dialogo a tre tra strumenti”.

In effetti, Zigmund sapeva di essere su un piano completamente diverso, suonando al fianco di Evans. Nelle note di Everybody Still Digs Bill Evans, Tesser proclama: “Nella storia del pianoforte del 20 ° secolo, la musica di Bill Evans costituisce un punto di svolta …. Ci sono stati solo una manciata di pianisti … le cui innovazioni hanno alterato così fortemente l’estetica prevalente ‘”.

Bill Evans (1929-1980), uno degli artisti più influenti nella storia del jazz, era noto per la sua interazione conversazionale nei suoi trii, le sue composizioni liriche e il suo impareggiabile approccio al pianoforte. In meno di tre decenni, il prolifico artista ha pubblicato più di 50 album come leader, ottenendo sette GRAMMY® Awards, 31 nomination ai GRAMMY® e due voci nella GRAMMY® Hall of Fame. 

Nel 1994, è stato insignito postumo del GRAMMY® Lifetime Achievement Award. Citato come influenza da tutti, da Herbie Hancock e Chick Corea a Eliane Elias e Robert Glasper, il lavoro di Bill Evans continua a ispirare nuove generazioni di musicisti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.