Musical Prophet da oggi disponibile

Prima pubblicazione ufficiale di registrazioni ERIC DOLPHY precedentemente inedite in oltre 30 anni, con  85 minuti mai pubblicati prima.

Include un esaustivo libro di 100 pagine con foto rare di  Chuck Stewart ,  Jean-Pierre Leloir ,  Val Wilmer  e altri; saggi dell’autore / scrittore jazz  Robin DG Kelley , del direttore delle etichette Douglas  Michael Lemesre , dello studioso giapponese  Masakazu Sato e dei coproduttori Zev Feldman e James Newton , Più commenti di John Coltrane , McCoy Tyner ,  Ornette Coleman e Charles Mingus .

Interviste con le icone del jazz  Sonny Rollins, Sonny Simmons, Richard Davis, Henry Threadgill, Nicole Mitchell, Steve Coleman, David Murray, Bill Laswell, Oliver Lake, Han Bennink, Joe Chambers, Dave Liebman  e  Marty Ehrlich .

3LP Disponibile dal 23 novembre Esclusiva del Black Friday! 

Edizione limitata 3LP, 180 grammi 

3CD: Data di rilascio:  25 gennaio 2019

Los Angeles, CA – Agosto 2018 – La Resonance Records è orgogliosa di annunciare le prime registrazioni in studio di Eric Dolphy, precedentemente inedite, in oltre 30 anni, inclusi 85 minuti di materiale mai pubblicato prima. Musical Prophet: The Expanded 1963 New York Studio Sessions è stato rilasciato in collaborazione con Eric Dolphy Trust e Alan Douglas Estate con audio monoaurale rimasterizzato ad alta risoluzione trasferito direttamente dai nastri originali.

Registrato dopo aver lasciato la Prestige / New Jazz Records, e poco prima di incidere il classico senza tempo  Out to Lunch! ,  Musical Prophet è un box di 3LP o 3CD che contiene i sottovalutati capolavori Conversations  e  Iron Man registrati a New York City il 1 e 3 luglio 1963. Originariamente prodotto da Alan Douglas – più noto per la sua associazione con Jimi Hendrix , ma che ha anche prodotto album di jazz classici come Money Jungle con Duke Ellington, Charles Mingus e Max Roach – i nastri erano stati conservati in una valigia con gli oggetti personali di Dolphy e consegnati agli amici intimi di Dolphy,  Hale e Juanita Smith poco prima di intraprendere il suo fatidico viaggio europeo nel 1964.

Anni dopo il contenuto della valigia è stato recapitato al flautista / educatore  James Newton , che aveva sviluppato uno stretto rapporto con il suo mentore Hale Smith e la moglie di Hale, Juanita, alla fine degli anni ’70. Poi, nel 2015, Newton con  Zev Feldman e la Resonance  hanno iniziato a lavorare in collaborazione con l’Eric Dolphy Trust di Los Angeles per questa edizione definitiva delle sessioni di studio di Dolphy del 1963 a New York. Questi nastri sono stati registrati in mono, a differenza delle versioni stereo utilizzate per gli album originali in studio e sono le uniche fonti master conosciute esistenti.

IL PACCHETTO

I pacchetti di LP / CD sono magnificamente progettati dal designer di Resonance Burton Yount e includono esaustivi opuscoli pieni di foto rare e mai pubblicate (molte delle quali sono a colori!) di Chuck Stewart, Jean-Pierre Leloir, Val Wilmer, Hans Harzheim, Lennart Steen, Roger Marshutz e molti altri, oltre a riproduzioni delle copertine degli album originali per Conversations e Iron Man . I cinque saggi trattano diversi aspetti di Eric Dolphy e di questa musica, a partire dai racconti dei coproduttori Zev Feldman e James Newton su come questi album sono nati e cosa significa la musica di Dolphy oggi in questo contesto. Newton dice nel suo saggio: “Eric Dolphy taught us to listen much more carefully to voices from all around the world, but never to forget that the substantially personal and complex feelings within field hollers remained in the mix.”

Lo studioso di jazz e autore di Thelonious Monk: The Life and Times of an American OriginalRobin DG Kelley , ci racconta l’intero contesto storico di queste registrazioni  nel 1963. Lo studioso giapponese Masakazu Sato e il direttore delle etichette Douglas Michael Lemesre ci danno i resoconti dell’impatto di Dolphy in Giappone e il ruolo del produttore Alan Douglas in queste registrazioni e nelle relazioni con Dolphy.

Abbiamo riunito una grande varietà di voci per riflettere, ricordare e riesaminare la persona, la musica e l’eredità di Eric Dolphy. Lo stesso colosso del sassofono, Sonny Rollins , ha raccontato di aver incontrato per la prima volta Dolphy quando ha chiesto di esibirsi con la band di Max Roach. A Roach piaceva mettere in imbarazzo giovani musicisti che chiedevano di suonare con lui, suonando una melodia ad un ritmo estremamente veloce e facendoli scappare dal palco. Naturalmente, Dolphy non era un musicista medio e si è immediatamente adeguato senza difficoltà alcuna. Da quel momento in avanti, Rollins sapeva che Dolphy era un musicista serio con cui fare i conti. Gli unici membri viventi della band intervistati per questa pubblicazione, il sassofonista Sonny Simmons e Richard Davis, ricordano rispettivamente che Dolphy  era “a Saint” e “angelic”.

La stretta amica di famiglia, Juanita Smith, fornisce un resoconto dettagliato del tempo trascorso con Eric da suo marito, Hale Smith, incluso l’aneddoto su come Eric si è ritrovato con l’enigmatico bozzo sulla sua testa che vediamo chiaramente nelle fotografie dei suoi ultimi anni (incluso la foto di Chuck Stewart sulla copertina dell’album).

Le parole e i pensieri di non meno di 17 musicisti – dalla leggenda del jazz John Coltrane al sassofonista / flautista vincitore del premio Pulitzer Henry Threadgill – sono rappresentati in questo lussuoso omaggio a Eric Dolphy , e dipingono un ritratto complesso di questo artista amato e incompreso. La flautista Nicole Mitchell dice: “Non so se c’è un modo migliore che ascoltare Eric per iniziare a conoscere  qualcuno che improvvisa sul flauto . Era davvero – nessuno escluso – uno dei più grandi solisti di flauto e non solo del suo tempo. “Il sassofonista Steve Coleman ha dichiarato senza mezzi termini : “È un virtuoso. Non c’è nient’altro da dire al riguardo. È incredibile che possa ottenere quel tipo di scioltezza su diversi strumenti. È il primo che ho sentito suonare il clarinetto basso, il sassofono e il flauto”.

Fonte: https://resonancerecords.org/shop/eric-dolphymusical-prophet-copy/

2 Comments

  1. Fatte le opportune verifiche, ho 2/3 di questa musica su vinile da 40 anni (doppio lp Douglas.del 1976) e spendere 80 euri per un disco di alternate takes mi pare eccessivo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...