Uccelli bianchi: Escher vs Dixon

Nel 2006 al Festival di Guelph, in Canada, alla fine delle prove arrivò un fotografo che voleva ritrarre Dixon mentre suonava. Bill sembrava stanco ma si fermò per un attimo, lo guardò diritto negli occhi, avvicinò lo strumento alle labbra e suonò nel modo più sublime e potente che avessi mai sentito.

Eravamo in una chiesa ed era come se l’edificio crollasse e dal torace di Dixon venissero fuori migliaia di uccelli bianchi svolazzanti, che lasciavano tracce di oro e argento nel cielo. Mi parve un’eternità ma fu solo un minuto di suono. Bill concluse l’assolo con un turbine ascendente e fu come se il suono avesse penetrato la struttura di granito conficcandovisi per sempre.

Intervista di Giuseppe Vigna a Rob Mazurek su Musica Jazz di gennaio 2013

Photo Detlef Schilke

Day and Night (1938)

Uccelli bianchi volano su campi arati. Ma forse gli uccelli sono neri. E i campi arati sono uccelli. Forse

Uno dei più celebri disegni di Escher

In Day and Night due campi coltivati e simmetrici, uno notturno e l’altro diurno, si trasformano in uccelli bianchi e neri che li sorvolano in formazioni opposte; anche gli spazi tra le ali in formazione si trasformano in uccelli che volano in direzione contraria , ma anche nei campi sottostanti. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.