Un giro in Edicola.

Cari amici e lettori delle zone Rosse, Gialle, Arancioni ed affini, questa volta vogliamo consigliarvi spassionatamente un giro nelle edicole delle Vostre città, paesi, borgate. L’edicolante non se la passa un granchè bene e già trovarlo aperto, in questo desolante panorama, è da intendersi come segno positivo. Per decenni le nostre edicole hanno fornito a tutti noi una grande quantità di musica, magari a volte d’incerto valore o collocazione ma svolgendo in sostanza una funzione pubblica importante; ora che deleghiamo agli schermi degli smartphone quasi tutti gli aspetti del nostro sopravvivere entrare in edicola è già di per sè una boccata d’aria fresca e un gesto di libertà, laddove possibile. Ora, questo panegirico serviva a caldeggiare il numero attualmente in edicola dello storico mensile Musica Jazz, soprattutto perchè contiene un disco da tempo difficilmente reperibile, e perchè si occupa di un gigante del pianoforte come Oscar Peterson, rileggendolo finalmente in una luce critica più degna, riparando ad una serie di stupidaggini, sottovalutazioni, “sentito dire”, che ne hanno offuscato in qualche modo la figura ed il portato storico, creando una serie di preconcetti e malintesi semplicemente risibili alla luce della Musica che Peterson traeva dal suo Bösendorfer. Questo è il “claim” del direttore in carica di MJ, Luca Conti.

“Da moltissimi anni non dedicavamo la copertina a un maestro del jazz come Oscar Peterson. A oltre dieci anni dalla sua scomparsa, era arrivato il momento di rimediare, e nel numero di novembre troverete anche un lungo saggio che ne ripercorre vita e opere. Da Peterson siamo poi partiti per allargare il tiro su altri gloriosi veterani che col pianista canadese hanno, nel corso dei decenni, condiviso palcoscenici e sale d’incisione: Lionel Hampton e Milt Jackson, due dei più illustri vibrafonisti di ogni tempo, e un contrabbassista supremo come Ray Brown. Tutti loro sono anche i protagonisti del cd allegato, una vorticosa cavalcata dal 1954 al 1961 in cui i protagonisti giocano – è il caso di dirlo – a rubarsi la scena in una torrida festa di swing.

Gli abbonati al mensile hanno il plus di vedersi recapitare dal postino, allegato al magazine, un altro disco che, per chi scrive, costituisce una favolosa scoperta, tanto che fatica ad uscire dal carrello del cd. “Il secondo cd di questo mese, riservato ai soli abbonati a Musica Jazz, comprende due storici album del cosiddetto West Coast Jazz: l’unico disco da leader del singolare compositore e arrangiatore Duane Tatro (1927-2020), registrato per la Contemporary tra il 1954 e il 1955, e «Music To Listen To Red Norvo By», inciso nel 1957 dal leggendario vibrafonista Red Norvo (1908-1999), anch’esso per l’etichetta di Lester Koenig. Due lavori non facilmente reperibili da parecchi anni e che ci sembrava giusto non lasciar cadere nel dimenticatoio.

Musica da ascoltare, musica da leggere, le nostre ricognizioni sul mondo editoriale che coraggiosamente continua ad uscire in formato cartaceo continueranno su questi schermi, segnalando anche altre testate e pubblicazioni da non farsi sfuggire.

E, nel caso, buona chiacchierata col vostro edicolante di fiducia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.