Un inedito Amore Supremo

L’anno 1965 sarà ricordato come un importante periodo di trasformazione nella traiettoria di John Coltrane (1926-1967), soprattutto dopo la registrazione, il 28 giugno di quell’anno, del classico free “Ascension”, il suo lavoro più radicale fino ad allora. Uno dei musicisti invitati a quella storica sessione era Pharoah Sanders. Anche lui sax tenore, Sanders  avrebbe incontrato di nuovo Coltrane solo dopo l’esperienza di Ascension, a settembre a San Francisco, ad un evento chiamato Jazz Workshop. 

È allora che Trane chiama Sanders per suonare con il suo quartetto. ” Mi ha detto che stava pensando a dei cambiamenti nel suo gruppo e nella sua musica ” , ha ricordato Sanders. ” E mi ha chiesto se volevo unirmi a lui.” Più tardi quel mese, si sarebbero ritrovati per suonare alcuni giorni a Seattle, Washington. Era la prima volta che Trane era in città alla guida di un suo gruppo. E aveva molte nuove idee in testa.

John Coltrane, photographed performing at The Penthouse during a run of performances in Seattle, Wash. in 1965. A recording of one, long lost, is now being released as A Love Supreme: Live in Seattle.
Chuck Stewart/Courtesy Universal Music Group

A Seattle, Coltrane è arrivato con il suo quartetto classico- McCoy Tyner, Jimmy Garrison ed Elvin Jones -già rinforzato da Pharoah Sanders. A loro si unirà anche un musicista di Chicago che aveva già suonato con Coltrane anni prima, Donald Garrett (basso e clarinetto basso), formando così un sestetto. Il tour attraverso Seattle includeva alcune esibizioni al club Penthouse. 

Impulse!, l’etichetta discografica di Coltrane, non ha pubblicato nulla di questo viaggio a Seattle. Ma il sassofonista voleva fare delle registrazioni per vedere come funzionava il suono con la nuova formazione. Il concerto del 30 settembre 1965 alla Penthouse fu registrato su iniziativa di Coltrane, venendo montato anni dopo, dopo la sua morte, da Impulse! come “Live in Seattle”. 

Questo concerto aveva già un’ampia apertura rispetto al suono del gruppo classico di Trane, una nuova direzione che alla fine avrebbe procurato la fine dell’ amato quartetto, con la partenza di McCoy Tyner ed Elvin Jones pochi mesi dopo. Il giorno successivo, 1 ottobre, Coltrane carica il sestetto in un furgone e si trasferisce a Lynnwood (a circa 12 miglia da Seattle), dove si trovavano i Camelot Sound Studios. Chi li ha portati lì è stato un suo vecchio conoscente, il flautista Joe Brazil, che viveva a Seattle. Ai Camelot Sound Studios, ancora una volta supportati da Trane, registrarono una sessione leggendaria che sarebbe stata poi pubblicata come “OM”. 

Qui la formazione era in settetto, con l’aggiunta di Joe Brazil. Alcuni biografi dicono che la sessione OM, quasi 30 minuti di improvvisazione collettiva non manipolata in fase di editing, oscillante tra l’energico e lo spirituale, è stata alimentata con LSD.

Coltrane, sempre secondo alcuni, in sintonia con la controcultura dell’epoca, era passato all’uso dell’LSD ( i suoi detrattori  spiegavano cosi i viaggi sonori che aveva intrapreso, a scapito del perfetto equilibrio del suo quartetto classico). La realtà è che OM si sarebbe rivelato uno dei pezzi più unici, affascinanti e inebrianti lasciati dal musicista. 

Il giorno successivo, il sassofonista ei suoi compagni tornano a Seattle, dove hanno in programma un’altra esibizione sul palco del Penthouse. Era il 2 ottobre 1965. E Coltrane voleva ancora eseguire altri test. Decide che quel giorno il sestetto suonerà nientemeno che A Love Supreme.

L’album A Love Supremeè stato registrato al Van Gelder Studio dal quartetto di Coltrane il 9 dicembre 1964. Nonostante sia il più grande classico del sassofonista (e uno degli album più famosi del jazz), A Love Supreme non ha fatto carriera sul palco. Finora si conosceva solo una performance live registrata al “Juan-les Pins Festival” di Antibes (Francia) il 26 luglio 1965.

Questo fino a pochi giorni fa, quando Impulse! Ha annunciato che a breve rilascerà la versione di A Love Supreme registrata il 2 ottobre 65 a Seattle. Questa nuova registrazione, di cui non si sapeva l’esistenza, è stata scoperta negli archivi di Joe Brazil, che si è occupato della registrazione del concerto di quella notte al Penthouse. 

“I nastri erano in condizioni eccellenti… e i risultati sono tra le migliori registrazioni non professionali di John Coltrane con cui abbiamo avuto il piacere di lavorare”, ha detto Kevin Reeves, tecnico del suono responsabile della produzione di questa versione. Il nuovo album, A Love Supreme: Live In Seattle , mostra in azione il sestetto, lo stesso gruppo che ha partecipato al vecchio album “Live In Seattle. Vale la pena ricordare che Coltrane ha anche testato in studio una versione in sestetto di A Love Supreme . Il giorno dopo la registrazione dell’album originale, il 10 dicembre 64, il quartetto è tornato in studio per registrare una nuova versione della suite, ora in sestetto con l’aggiunta di Archie Shepp ( tenore) e Art Davis (basso) –questa seconda versione, concentrata in alcune take di “Acknowledgement”, è finita accantonata fino agli anni 2000.

In altre parole, se nell’unica altra versione conosciuta di A Love Supreme live, ad Antibes, quello che si sente è il quartetto che esegue l’originale album, questa nuova versione dialoga maggiormente con il disco del 10 dicembre 64. Inoltre, bisogna considerare il momento in cui è stata fatta la registrazione, favorevole ad un’apertura ancora maggiore agli assoli e all’improvvisazione collettiva (non dimentichiamo che OM è stato registrato solo un il giorno prima e, inoltre, questi concerti a Seattle, anche perché avvenuti al di fuori di un festival e senza il coinvolgimento della casa discografica, lasciavano a Trane ampia libertà di sperimentare nuove idee).  Per tutto ciò, l’annuncio della scoperta e dell’uscita di A Love Supreme: Live In Seattleè rappresenta una delle grandi novità nell’universo jazz da molto tempo. L’album uscirà ufficialmente ad ottobre su CD e doppio vinile.

Fonte: Free Form

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.