Respiriamo con Fred Hersch

Breath By Breath, due out January 7, 2022 via Palmetto Records, features a stunning new suite inspired by Hersch’s meditation practice performed by Hersch with Drew Gress, Jochen Rueckert, Rogerio Boccato, and the Crosby Street String Quartet

“[Fred Hersch is] a pianist, composer and conceptualist of rare imaginative power.” 

– Nate Chinen, The New York Times

“Hersch’s work has developed an intensity of intelligence and emotional directness unparalleled among his peers.”

– Steve Futterman, The New Yorker 

L’iconico pianista e compositore Fred Hersch è stato uno dei primi ad adottare nuove tecnologie e nuovi modi per andare avanti quando la pandemia ha colpito all’inizio del 2020 con brevi concerti live da casa ogni giorno sulla piattaforma Facebook. Ma è stato anche tra i più desiderosi di tornare alle esibizioni dal vivo e alla collaborazione ora che la vita ha iniziato a riprendere una parvenza di normalità. Ad agosto è tornato in studio per registrare uno dei suoi progetti più ambiziosi fino ad oggi: Breath By Breath, il suo primo album in assoluto che unisce la sezione ritmica jazz con un quartetto d’archi.

“Ho messo via tutta la mia attrezzatura per lo streaming”, dice Hersch, e in effetti il periodo del primo lockdown è culminato nell’uscita solistica dello scorso anno, quel Live From Home praticamente anticipato giorno dopo giorno dalle sue brevi esibizioni in rete.  

In uscita il 7 gennaio 2022 tramite Palmetto Records, Breath By Breath trae ispirazione dalla pratica di lunga data per il pianista della meditazione consapevole, incentrata sul nuovo brano “Sati Suite” in otto movimenti. Ma mentre l’album è certamente contemplativo e brillante, è lungi dall’essere semplicemente uno sfondo ambientale per un beato relax: la musica di Breath By Breath è pienamente coinvolgente ed emotivamente ricca come quella che Hersch ha realizzato nel corso della sua straordinaria carriera.

In parte ciò è dovuto ai musicisti che Hersch ha arruolato per l’album. Il bassista Drew Gress è stato un membro del primo trio del pianista ed è stato un partner stimolante per più di tre decenni. Jochen Rueckert è uno dei batteristi più richiesti della scena moderna, avendo suonato con grandi come Kurt Rosenwinkel, Mark Turner, Melissa Aldana e Pat Metheny. Il Crosby Street String Quartet, che prende il nome dall’indirizzo di New York dove hanno provato per la prima volta con Hersch, unisce quattro dei più attivi strumentisti freelance della città: i violinisti Joyce Hammann e Laura Seaton, la violista Lois Martin e il violoncellista Jody Redhage Ferber. 

“I quartetti d’archi sono stati la mia musica preferita da ascoltare per tutta la mia vita”, spiega Hersch. Come scrive nelle note di copertina dell’album, “Sono cresciuto ascoltando quartetti d’archi da giovanissimo musicista a Cincinnati. La mia insegnante di pianoforte era la moglie del violoncellista del famoso LaSalle Quartet. Da studente ero solito sdraiarmi sul tappeto nel loro soggiorno mentre provavano, seguendo in silenzio, ascoltando come la parte della viola si accordava con il primo violino, o il secondo violino e il violoncello. E da quando ho iniziato a studiare composizione all’età di otto anni, quasi tutta la mia musica si è sempre concentrata su quattro parti melodiche, quindi i quartetti d’archi sono una configurazione musicale naturale per me”. 

La scrittura per le corde su Breath By Breath mette in luce l’ampia portata dell’immaginazione compositiva di Hersch. Con ogni pezzo il quartetto sembra assumere un nuovo ruolo in relazione al trio con pianoforte: uno sfondo lussureggiante su un brano, un partner alla pari nel dialogo sul successivo, un istigatore astratto su un altro ancora. “Era importante per me registrare dal vivo con gli archi in modo da poter interagire con quello che stavano suonando”, dice Hersch. “Non volevo mettere giù la musica e poi farli entrare più tardi e sovraincidere. Sentivo che il divertimento del progetto era farlo dal vivo”.

“Sati” è una parola pali che significa “consapevolezza”, un’idea centrale nella pratica meditativa di Hersch, che a sua volta ha assunto un’importanza ancora più profonda durante la pandemia. “Fondamentalmente mi ha salvato”, dice senza alcun accenno di esagerazione. “La meditazione non riguarda il non svuotare la mente; si tratta di osservazione. La frase che mi piace usare è “rilassati, permetti e osserva”. Quando medito si tratta di riconoscere sensazioni o pensieri mentre entrano ed escono, osservandoli e realizzando che sono solo fenomeni. Il cervello pensa, e non c’è niente di sbagliato in questo».

Il primo movimento, “Begin Again” fa riferimento al ciclo di rinnovamento che ricomincia da capo in ogni momento. Altri pezzi toccano diversi aspetti del processo. “Know That You Are,”la composizione che ha avviato la suite, si riferisce all’istruzione fondamentale: “Quando ti siedi, sappi che sei seduto e quando respiri, sappi che stai respirando”. L’attività spesso frenetica di una mente che lotta per essere a riposo è il soggetto di “Monkey Mind”, mentre “Mara”, che presenta un’apparizione come ospite del percussionista Rogerio Boccato, è il nome del dio che tentò Buddha con vino, donne e ricchezza.

Portare la meditazione in primo piano nella sua musica porta Hersch al punto di partenza in un certo senso, come ha riconosciuto quando ha iniziato la pratica decenni fa. “Quando ho cominciato, mi sono reso conto che in un certo senso ho meditato per tutta la vita, ma su uno sgabello di pianoforte. Chiudo gli occhi quando suono ed entro in quel mondo. Di tanto in tanto mi distraggo, ma non ne sono disturbato. Invece  il mio respiro è un’ancora, l’ancora è il suono che ottengo, la sensazione tattile delle mie dita sui tasti, sentire lo spazio intorno alla musica e lasciare quello spazio affinché altri musicisti possano contribuire”.

Breath By Breath, quindi, è il riconoscimento che la meditazione è stata un modo per Hersch di allineare la sua esistenza quotidiana con lo stato di illuminazione che raggiunge mentre suona il pianoforte. 

fredhersch.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.