James Newton/Flute Music

Il debutto solista autoprodotto di James Newton nel 1977, “Flute Music” è una gemma sconosciuta dell’underground jazz degli anni ’70. Un album che mette in mostra una vasta gamma di stili e una fervente ispirazione incrociata, pur mantenendo un chiaro senso di direzione e coesione. Un artista che incanala la propria espressività nelle molteplici sfaccettature di “The New Music”, creando un debutto artistico di buon auspicio, come poi il tempo avrebbe dimostrato. 

Newton infatt, avrebbe poi continuato a registrare con etichette jazz venerate come India Navigation, che purtroppo come molte altre indirizzate all’avanguardia non c’è più, e successivamente con ECM, e ha collaborato con altri luminari creativi come Sam Rivers, Anthony Davis, Andrew Cyrille, David Murray e John Carter. Ma “Flute Music” cattura l’ardente creatività e la natura sperimentale di Newton nel suo primo sbocciare.


L’apertura dell’album, Arkansas Suite, trova il flauto di Newton non accompagnato, ma densamente stratificato. Piegandosi e ricadendo su se stesso, crea una rete che rimbalza di dense armoniche di legni. L’effetto è profondamente immersivo e meditativo. A prima vista e ad un ascolto distratto, potrebbe sembrare un album di new age, in quegli anni molto a la page. Ma dopo questa traccia, le influenze di Newton esplodono verso l’esterno. Sullo stesso lato dell’LP, Darlene’s Bossa accoglie una band al completo e la traccia si sviluppa su un groove latin-jazz come se il gruppo appartenesse a questa forma espressiva. La traccia successiva trova ancora una volta il flauto di Newton da solo mentre capovolge lo standard jazz di Duke Ellington, Sophisticated Lady. E infine, nel brano finale del lato b, Poor Theron, la band è permeata di elettricità free-jazz , che si muove con concretezza e agilità.

AMSTERDAM, NETHERLANDS – 18th JUNE: American jazz flautist James Newton performs live on stage at the BIMhuis in Amsterdam, Nertherlands on 18th June 1988. (Photo by Frans Schellekens/Redferns)


La musica per flauto si spinge in molte direzioni contemporaneamente, eppure ruota saldamente attorno a un singolare nucleo incandescente. Quel nucleo è rappresentato dall’inconfondibile talento e dalla musicalità di Newton. Il suo flauto àncora l’intera faccenda, sia che si tratti di cascate di note non accompagnato, sia che svolazzi tra i segni del respiro della sua band di supporto.
Con “Flute Music”, James Newton si propone come una potente forza sulla scena jazz-creativa, e il resto della sua carriera ha sicuramente dato credito a questa promessa. Ristampato per la prima volta dopo lo scarso numero di stampe private nel 1977 per l’etichetta Morning Trip, è in uscita per l’undici febbraio 2022. Occasione unica di conoscere il lavoro solista di debutto di un rinomato e prestigioso luminare del jazz. 

Tracklist:

1. Arkansas Suite (Bennie)2. Arkansas Suite (Solomon’s Sons)3. Skye4. Darlene’s Bossa5. Sophisticated Lady6. Poor Theon

1 Comment

  1. Eh, James Newton, grande maestro di strumento da molto tempo trascurato salvo un paio (?) di luminose eccezioni. Anche lui è caduto nel dimenticatoio, dopo una grande stagione tra gli anni ’80 e la fine dei ’90. Di ciamo anche che ha pagato a caro prezzo una fuga nell’accademia, di fatto sparendo dalla scena discografica jazz per lunghi anni. Come spiegato nell’articolo, buona parte del noccciolo della sua opera è ormai quasi irraggiungibile, essendo affidato ad etichette inspiegabilmente estinte in un’epoca dove si è ristampata tanta futile plastica. Comunque in ambito streaming è possibile recuperare due suoi splendidi dischi che all’uscita furono molto applauditi. Eccoli:

    ‘Romance and Revolution’ 1987

    ‘The African Flower’ 1985 (qui parecchi parlarono di capolavoro…..)

    Qui un autentico reperto della collaborazione con David Murray, basta guardare la formazione per rendersi conto del livello a cui siamo:

    Clicchino, signori, clicchino, perchè anche nel mondo dello streaming del doman non c’è certezza….. Milton56

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.