Le foto storiche di Bob Parent

In rete è possibile reperire una documentazione varia e notevole sulla storia della musica jazz. Un particolare ambito è quello delle tesi, siano esse di laurea che per le scuole di musica. E’ il caso di questo estratto ad opera di Dario Mannu, tesina per il corso di Storia della Musica, corso della Scuola Civica Salvatore Licitra di Cinisello Balsamo, anno 2020. Si tratta di un testo articolato che comprende una analisi dei principali jazz club della grande mela, con anche una piccola escursione nei club italiani. Ricca di fotografie e di mappe della città, la tesina consta di 99 pagine e si legge d’un fiato.

Un amico diede un consiglio a Bob Parent (autore delle foto, scatti memorabili): sii all’Open
Door di West 3rd Street domenica.
Mr. Parent, un fotografo con un talento per presentarsi al momento e nel luogo giusti, non ha avuto bisogno di molti incoraggiamenti. Arrivò al jazz club la sera del 13 settembre 1953. Era
eccezionalmente fresco per la fine dell’estate. La prima pagina del New York Times descriveva in
dettaglio il matrimonio del senatore John F. Kennedy e dell’affascinante Jacqueline Bouvier a
Newport, R.I. I Brooklyn Dodgers avevano appena firmato il gagliardetto a Milwaukee.
Lo spettacolo di quella sera prevedeva il Thelonious Monk Trio. Monk, 35 anni, era già un prolifico
compositore e innovatore di pianoforte, eppure ci sarebbe voluto un decennio perché il suo genio
fosse pienamente apprezzato dall’America tradizionale. Il trio era completato da Charles
Mingus, 31 anni, bassista e compositore e dal giovane Roy Haynes, un batterista di 28 anni che tutti
chiamavano “Snap Crackle”.
The Open Door era un piccolo fabbricato scuro che Haynes avrebbe in seguito definito
“una discarica”. Lo storico del jazz Dan Morgenstern era leggermente più generoso nella sua
descrizione: “Era un posto strano ma aveva un’ottima musica”. C’era un pianoforte stonato nella
stanza di fronte che era suonato quasi tutte le sere da una donna conosciuta come Broadway
Rose che cantava canzoni popolari del giorno.

Mr. Parent si sistemò nella stanza sul retro dove suonavano le band. A trent’anni aveva fatto un pò di soldi scattando foto per riviste come Downbeat e Life; le case discografiche a volte acquistavano
le sue foto per le copertine degli album. “Bobby era un ragazzo eccezionale”, ha ricordato
Morgenstern. “Aveva un lavoro alle Nazioni Unite come addetto per la stampa. Era sempre in giro. “
Non c’era nulla nell’Open Door per segnalare che la magia stava per accadere o che la storia del
jazz stava per essere fatta. Il posto era mezzo vuoto e la domenica era solo la solita notte buia in molti dei grandi locali notturni di New York City. Bob Reisner, critico jazz part-time per The Village Voice, era anche un promotore e sapeva di poter ascoltare grandi musicisti la domenica, anche in un locale di seconda classe come l’Open Door.
Con Monk, Mingus e Haynes, aveva sicuramente prenotato un trio di alto livello, motivo sufficiente
per fare il viaggio in centro. La indiscrezione di quel pomeriggio era che c’erano buone probabilità che Charlie Parker si sedesse con il trio.


Parker, il pioniere del sassofono bebop, che aveva solo 33 anni, aveva cercato di scrollarsi di dosso
un brutto momento nella sua tumultuosa carriera. Per motivi poco chiari, forse legati alla droga, Parker aveva perso la licenza di cabaret. Senza quella carta non gli era permesso esibirsi nei club di New York dove veniva servito l’alcol. Questo divieto lo ha costretto a viaggiare per qualche tempo. Ora era tornato in città e viveva in una casa a schiera a Alphabet City con la sua fidanzata di lunga data Chan Richardson e i loro tre figli. Era ansioso di riavere la sua carta.
Anche Monk lavorava senza la sua carta di cabaret. Sarebbero passati altri quattro anni prima
che fosse in grado di recuperarla. Le leggi sul cabaret erano un sistema parziale e punitivo che
causava in modo capriccioso sofferenze finanziarie per decine di musicisti. Qualsiasi agente di
polizia in città poteva ritirare la carta di un musicista e c’era poco da fare al riguardo. In quella
notte, Parker e Monk stavano cogliendo l’occasione per suonare di nuovo davanti al pubblico.


Non ci sono registrazioni audio conosciute di questo concerto. L’unico report di
questo particolare quartetto è stato catturato dalla Pressman Speed Graphic di Bob Parent. Mr.
Parent ha sviluppato una tecnica di fotografia che gli ha permesso di lavorare senza flash, che gli artisti trovavavo troppo distraente. Ha saputo dare alle sue fotografie un’atmosfera oscura e intima.

Una foto di Open Door quella sera è diventata un’icona jazz. Mostra Parker in piedi davanti, con
indosso un abito leggero, mocassini bicolore, le braccia protese in avanti, che soffia in quello che
sembra essere il suo famoso sassofono contralto in ottone. Alla sinistra di Parker c’è Monk sul
pianoforte verticale, il microfono appeso allo strumento. Due bicchieri e un piatto da pranzo
appollaiati in cima. Alla destra di Monk c’è Mingus, rannicchiato sul suo basso. Lungo la parete di
fondo c’è Haynes, i suoi occhi fissi sui suoi compagni di band, lui stesso sotto lo sguardo
delle due misteriose sirene dipinte sul muro dietro di lui.
Da allora è stata definita da molti “la più grande foto del jazz”.
Bob Parent è morto nel 1987 e il suo archivio fotografico è curato da suo nipote Dale Parent. “Ci
riferiamo ad esso come” la Foto “, ha detto Dale. “È un monumento alla sua arte e siamo molto orgogliosi del suo enorme apprezzamento “

La figliastra di Charlie Parker, Kim, ha una copia dell’immagine che conserva
nella sua casa in Pennsylvania. “Sono grata per tutte le foto”, ha detto la signora Parker. “Vivo con i
ricordi.” Per lei la foto non ha prezzo. Avrei voluto essere lì quella notte. “
Roy Haynes ora ha 97 anni, l’unico membro vivente del quartetto di quella sera. Ha ancora ricordi
di quella performance. “È stato bellissimo, amico”, ha detto di recente. “Ero in giovane età. Quindi
mi stavo divertendo. Suonavo con persone fantastiche. “
“È una band formidabile, un peccato che nessuno l’abbia registrata”, ha dichiarato Morgenstern.
Non esiste un elenco predefinito dei brani suonati quella sera. È probabile che sia stata eseguita la composizione di Thelonious Monk “52nd Street Theme”, ma possiamo solo ipotizzare.
Sebbene il club fosse tutt’altro che affollato, per coloro che erano lì è stata senza dubbio una notte
memorabile. Quattro leggende della grande forma d’arte americana, insieme per un momento troppo breve.
Ciò solleva una domanda interessante. Una fotografia meno conosciuta mostra uno scorcio di alcuni membri del pubblico. Sullo sfondo, a un tavolo davanti, siede un uomo dai capelli scuri in una camicia scura che fuma una sigaretta. È stato ipotizzato nel corso degli anni che potrebbe benissimo essere Jack Kerouac.

Fu in quel momento che Kerouac stava studiando la scena jazz underground per un libro che
sarebbe poi diventato “The Subterraneans”. E secondo Joy Johnson, autore di un libro, Beat, “Personaggi minori”, per un certo periodo alla fine degli anni ’50, avrebbe avuto senso che Kerouac fosse stato all’Open Door. La sua devozione per Charlie Parker era ben nota.
“È certamente possibile”, ha detto. “Era a New York al momento in cui è stata scattata la foto.” Ha
visto la fotografia e ha detto che gli somiglia abbastanza. “Non c’è modo di saperlo con certezza”,
ha aggiunto.
New York era la capitale jazz del mondo. Mingus, Monk e Bird sono tutti morti e il loro breve incrocio è stato visto solo da poche persone, una notte altrimenti insignificante in città . Persino l’Open Door è un ricordo, demolito per far posto alla Bobst Library della New York University

2 Comments

  1. L’uomo che fuma una sigaretta non somiglia per niente a Kerouac. Invece una somiglianza impressionante ce l’ha quello in piedi con giacca e cravatta.

    "Mi piace"

  2. “…Parent ha sviluppato una tecnica di fotografia che gli ha permesso di lavorare senza flash, che gli artisti trovavano troppo distraente…..”. Vecchio problema, quello dei flashes ai concerti. Oggi occorrerebbe spiegare a quelli che li lasciano perennemente inseriti quando scattano con i telefonini che i medesimi non servono assolutamente a nulla, avendo una portata di 1 metro a dire tanto. Mi correggo: servono a farsi mandare al diavolo dagli spettatori vicini, ed a stressare i musicisti sul palco, alcuni dei quali reagiscono poi scompostamente. Sarebbe bello che qualche fotografo vero lo spiegasse dal palco prima del concerto, evitando roboanti quanto generiche ed oscure minacce via altoparlante. Milton56

    "Mi piace"

Rispondi a milton56 Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.