LONG AGO AND FAR AWAY

Era una domenica, il 19 settembre 1993, per essere precisi, quando Charlie Haden sentì Brad Mehldau per la prima volta. Charlie e io stavamo camminando per le sale dell’Hidden Valley Resort, situato nelle Laurel Mountains nel sudovest della Pennsylvania.

Il resort sponsorizzava un festival jazz e Charlie aveva appena finito un’intervista, dopodiché dovevamo tornare nella camera d’albergo per preparare il sound-check e il concerto di Charlie quella sera. Mentre ci affrettavamo per la sala, si sentiva, da dietro le porte chiuse dell’auditorium che passavamo, i suoni di un concerto in corso.


Ora, Charlie aveva le antenne più grandi di chiunque nel jazz, e mentre stavamo camminando e parlando, si fermò improvvisamente e disse: “Shhh!”
I suoi occhi si spalancarono mentre si avvicinava alla porta per ascoltare. Qualcuno stava prendendo un assolo. Mi ha detto: “Devo entrare e ascoltare”. Siamo entrati nell’auditorium e stavamo sul retro per ascoltare il resto del concerto. Era la band di Joshua Redman con Brad Mehldau, Christian McBride e Brian Blade che, insieme, nel 1994 registrarono l’album Moodswing.


Terminato il concerto, Charlie salì sul palco per salutare i ragazzi e parlare direttamente con il giovane pianista. Era Brad Mehldau che aveva preso quell’assolo. Parlarono per un po ‘e quando Charlie tornò da me, disse: “Quel pianista è geniale. Lui è speciale, così unico. ” In seguito Charlie avrebbe continuato a considerare Brad uno dei musicisti più importanti della sua generazione per la sua voce unica, la sua profonda conoscenza e duttilità sullo strumento, e per come ha spostato il linguaggio di jazz in avanti.


Alla fine, nel 1996, Charlie trovò un modo per portare Brad a Los Angeles per esibirsi con Lee Konitz e lui alla Jazz Bakery. Ciò ha portato ad un album del trio su Blue Note (1997) intitolato Alone Together. Nel 2011, lui e Brad hanno registrato un album live con Lee Konitz e Paul Motian per ECM intitolato Live at Birdland. Brad e Charlie rimasero amici fin dal loro primo incontro. Avevano una connessione speciale. Nei primi tempi, Charlie, in un certo senso, faceva da mentore a questo giovane pianista .

Personalmente, penso che abbia visto un po ‘di se stesso in questo giovane e brillante musicista.
I due, tuttavia, non hanno mai avuto la possibilità di esibirsi sul palco in duetto fino a quando, nel 2007, Rainer Kern, il direttore del Enjoy Jazz Festival nella regione tedesca di Heidelberg, ha invitato Charlie e Brad a suonare in un bella chiesa, la Christuskirche a Mannheim.

Rara opportunità per i due di avere un dialogo musicale ed entrambi hanno ovviamente accettato con entusiasmo. Rainer aveva chiesto di registrare il concerto, ma i due artisti  si sono rifiutati con enfasi. Io, tuttavia, ho avuto la sensazione chei questo concerto sarebbe stato speciale e sono riuscita a far cambiare opinione ai i due musicisti, mentre Rainer dal canto suo ha gentilmente accettato di cederci i nastri.

Per ragioni contrattuali riguardanti entrambi i musicisti, la registrazione non è stata pubblicata fino ad ora. Charlie ha ascoltato spesso il nastro e, a un certo punto, voleva farne un disco. Sono eternamente grata a Rainer Kern per averci permesso di registrare e possedere il lavoro. Di conseguenza abbiamo una splendida testimonianza dell’interazione tra due musicisti geniali: il pianoforte e il basso, la loro brillante risonanza attraverso lo spazio sacro di una cattedrale in stile liberty, registrato il 5 novembre 2007. 

Ruth Cameron Haden, Los Angeles, California, July 2018 

Ogni tanto fare un passo indietro è necessario per meglio comprendere ed assimilare le ragioni di una uscita discografica. Questo album forse non ha ottenuto in pieno il riconoscimento che avrebbe meritato e mi piace riproporlo a distanza di un paio di anni. Chiusa l’avventura terrena del grande Charlie Haden, Brad Mehldau da allora ha inciso molto, sia in solo che in duo che con il quartetto e anche come sideman. Tutti album notevoli (su tutti probabilmente After Bach del 2017). Recentemente France Tv ha messo in linea un concerto in solo di Mehldau interamente dedicato ai brani dei Beatles. Non una idea nuova, certamente, ma attenzione a come il pianista ne sviluppa i temi, ridando nuova linfa a composizioni di almeno mezzo secolo fa.

https://www.france.tv/spectacles-et-culture/hip-hop-jazz/1970565-brad-mehldau-joue-the-beatles-a-la-philharmonie-de-paris.html?fbclid=IwAR219jXn7WIoQAFbAUG_MNi0xcckNdm5SpSdC0NdYboU10fyOI6GApsf3io#xtor=EREC-50-[culturebox]-20200925-[gabaritA]&pid=726375-1442097764-5d5cfb90

Photo : © Evert-Jan Hielma

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.