Molti nuovi album per Cecil Taylor

Nuove registrazioni e ristampe mantengono viva l’eredità del pianista Cecil Taylor , uno dei più grandi esponenti della musica improvvisata

Scomparso nell’aprile 2018, Cecil Taylor compirebbe 92 anni in questo mese. Il rivoluzionario pianista ha lasciato una delle eredità più cospicue nel campo del free jazz, un’opera multipla che costituisce uno dei capitoli più inventivi ed esplosivi della musica creativa. Taylor è stato uno dei  più grandi artisti musicali del XX secolo, e ha iniziato la sua carriera nel 1956, quando ha pubblicato il suo album debutto, “Jazz Advance”. Il pianista  è stato un pioniere su più fronti, e  negli anni ’60 ha iniziato a eseguire concerti totalmente improvvisati per pianoforte solo.

Proprio perchè dalla fine degli anni ’90 i nuovi lavori del pianista si sono progressivamente diradati, il materiale registrato e inedito non è mai arrivato ai suoi ascoltatori . La maggior parte delle registrazioni è in concerto dal vivo, e molti nastri sono stati accantonati per molto tempo. E quel processo sembra tutt’altro che finito. Basta guardare quanti dischi di Taylor sono stati pubblicati negli ultimi mesi. 

Viene così mantenuta la piacevole sensazione di sentire di volta in volta qualcosa di “nuovo” dal pianista. Riassumiamo qui le uscite più recenti di Cecil Taylor, tra nuove edizioni e materiale mai pubblicato prima ufficialmente, con uno sguardo aperto sul panorama complessivo della sua proposta musicale e con registrazioni di diversi momenti della sua carriera.

Mixed to Unit Structures Revisited

Ezz-tetica

Ezz-thetics, una diversa produzione dell’etichetta discografica Hat Hut, ha realizzato un importante salvataggio del free jazz degli anni ’60 (e non solo), ristampando in versioni rimasterizzate registrazioni di importanza storica. Dopo i titoli di Archie Shepp, John Coltrane e Marion Brown, è il turno di Cecil Taylor. La musica salvata proviene da due sessioni. Il materiale più stagionato fa parte di un disco realizzato nel 1961 dalla band di Taylor. Il gruppo comprendeva Henry Grimes, Sunny Murray e gli allora giovani sassofonisti Archie Shepp e Jimmy Lyons. Sono tre i brani (Pots, Bulbs, Mixed) che, all’epoca, apparivano nell’album “Into The Hot”, sotto il nome della Gil Evans Orchestra (che, in effetti, non fa nulla sul disco; l’altra metà di quel vinile era occupata dalla band di John Carisi).

 I brani di Taylor sono molto vivaci e rappresentano una tappa importante nel suo avvicinamento alla libera espressione free che segnerà il suo lavoro soprattutto dalla seconda metà di quel decennio. Il nuovo CD si completa con “Unit Structures”, un album registrato nel 1966 da Taylor per Blue Note. Classic, l’album sintetizza le sue idee di allora, portando un sestetto dai nomi forti: oltre a Lyons e Grimes, che erano nell’altra session, ci sono Alan Silva, Andrew Cyrille, Eddie Gale e Ken McIntyre. L’opzione per questa ristampa era di mantenere le 4 tracce originali di Unit Structures (c’è una versione in CD con un bonus, una ripresa alternativa da “Enter, Evening”). 

Per coloro che hanno già entrambi gli album, probabilmente manca l’appeal per acquisire questa nuova edizione, senza extra. 

…Being Astral and All Registers…

Discus

La collaborazione tra Cecil Taylor e il percussionista britannico Tony Oxley ha prodotto molti capitoli, in contesti diversi e in decenni diversi. Come duo, le collaborazioni sono iniziate negli anni ’80, esattamente da dove proviene il brillante album “Leaf Palm Hand”, catturato nel 1988 a Berlino. Questa partnership diventerà ancora più attiva nel 21 ° secolo, con i concerti in duo che compaiono nell’agenda in diversi anni e in tutto il mondo e hanno già prodotto gli album “Ailanthus / Altissima: Bilateral Dimensions” (2010) e “Conversations “(2018). E ora arrivano nuovi titoli. 

Oxley  ha estratto dall’archivio dei suoi file personali le registrazioni di un duo con Taylor che non era mai stato pubblicato prima. Questo “… Being Astral and All Registers: Power of Two …” è una di quelle registrazioni live salvate e vede in azione il pianista e il percussionista nel maggio 2002, al Festival di Ulrichsberg (Austria). Lo schema è quello che da sempre contraddistingue questi incontri: lunghe sessioni libere, un flusso con poche pause. In questo disco ci sono due temi estesi, di 33 e 26 minuti, con Taylor, allora 73enne, che mostra ancora molto vigore, in dialoghi frenetici e intensi con le percussioni di Oxley.

Birdland, Neuburg 2011

FSR

Ecco un altro capitolo della partnership tra Cecil Taylor e Tony Oxley pubblicata da pochi mesi. Testimonianza di quella che potremmo definire la tappa finale della traiettoria di Taylor, questo concerto è stato immortalato nel novembre 2011, in un’atmosfera molto intima, nel Birdland, un club per 112 persone situato nella piccola cittadina tedesca (circa 29mila abitanti) di Neuburg. All’età di 82 anni, il pianista non aveva più l’esplosività energetica che lo aveva sempre contraddistinto, ma manteneva mente e dita partecipi in un pulsante flusso creativo. L’ora approssimativa di musica, divisa in due parti, mostra passaggi ancora più dettagliati, quasi delicati, con Oxley perfetto che risponde a Taylor nell’intensità che richiedeva in quel momento. Sebbene questa non è stata l’ultima volta che Taylor si è esibito in pubblico, ascoltando la registrazione oggi si percepisce  una sottile atmosfera di addio.

At Angelica 2000 Bologna

I Dischi Di Angelica

Questa è forse una sessione che potrebbe interessare ancora di più i fan di Cecil Taylor. L’album contiene dischi realizzati nel maggio 2000, quando il pianista è stato invitato a partecipare al Festival Angelica, a Bologna . Poesia, danza, pianoforte, un concerto completo, con Taylor da solo sul palco del Teatro Comunale di Bologna, esplorando tutte le varianti della sua arte. Ci sono due CD, con un totale di 12 tracce; nel primo disco, Taylor improvvisa al piano e recita le sue poesie; nell’altro abbiamo un’intervista rilasciata dal pianista al musicologo Franco Fabbri, a Palazzo dei Notai, il giorno dopo il concerto. Ma questa non è una semplice intervista, come dice il testo introduttivo: “Taylor usa le domande del moderatore come trampolino di lancio per un esplosivo tour de force di citazioni e riferimenti: dalle star del balletto classico Katherine Dunham e Maya Plissetskaya alle ballerine di tip tap Bojangles e Nicholas Brothers, ai petroglifi dei nativi americani Hopi e ai manoscritti copti, le strutture di Xenakis e dell’architetto Calatrava, le divinità Orisha e le dinamiche di crescita cellulare nella corteccia, Derek Bailey e Stravinsky … “a tutto ciò probabilmente mancava solo un DVD: è il tipo di proposta che guadagnerebbe molto con una versione video, e i gesti / corpo / movimenti di Taylor sono parti essenziali di uno spettacolo come questo.

Lifting The Banstand

FSR

Questo album, pubblicato a fine gennaio dall’etichetta polacca Fundacja Sluchaj (FSR), che sta costruendo un catalogo impressionante,  salva un concerto registrato nel 1998 durante il Tampere Jazz Happening in Finlandia. Per la performance, Taylor ha portato sul palco un quintetto formato dai musicisti europei Harri Sjöström (sax soprano), Teppo Hauta-Aho (contrabbasso) e Paul Lovens (batteria), oltre a Tristan Honsinger al violoncello. Trasmessa all’epoca da una radio finlandese, la musica registrata quella notte propone una improvvisazione collettiva ad alta intensità, senza essere necessariamente solo energia materica da un capo all’altro, con Sjöström particolarmente ispirato, disegnando linee contrastanti, a volte confluenti con il pianoforte di Taylor. Inedita su disco fino ad allora, la registrazione riporta circa 1h15 di musica improvvisata divisa in due parti (“Desperados A / B”).

Fonte: Free Form Free Jazz

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.